3 setacci paura dei giudizi altrui - uym

La Paura dei giudizi altrui è uno degli ostacoli, non il minore, che incontriamo sul nostro cammino. Il timore di non essere accettati può infatti abbracciare ogni aspetto della nostra vita. Può riguardare il nostro aspetto fisico, il nostro lavoro, il modo di vestire e in generale ogni nostra singola scelta.

Partiamo però dal principio: “Perché tutti, chi più chi meno, hanno paura dei giudizi altrui?”

 

Paura dei giudizi altrui?

Il timore di essere malgiudicati nasce dal bisogno dell’essere umano di sentirsi accettati. L’uomo infatti è un “animale sociale” e per sua natura sente il bisogno di aggregarsi, di appartenere a un gruppo.

Che succede però quando il giudizio manifestato nei nostri confronti non è positivo? Ci  sentiamo a disagio, feriti  e, in base all’importanza che attribuiamo al giudizio dell’altra persona, andiamo a svalutare  le nostre capacità, a rivedere al ribasso la nostra autostima.
Le opinioni degli altri nei nostri confronti vanno ad accumularsi nel corso degli anni formando un pesante fardello di giudizi che rappresenta ciò che NOI crediamo che il “mondo esterno” pensi di noi, vero o falso che sia.

Tutto questo interferisce forse con il nostro benessere, con la nostra vita?  Certo che  SÌ.

 

 

Cosa c’è nel tuo “fardello”?

3 setacci paura dei giudizi altrui - il fardello - uym

3 setacci paura dei giudizi altrui – il fardello – uym

Il fardello non è altro che un grande contenitore pieno, stracarico dei giudizi accumulatisi nel corso degli anni. Non solo sono tanti ma sono “di più” e non potendo avere la piena consapevolezza di ognuno di loro tendiamo ad economizzare, generalizzando il tutto in un unico grande giudizio.

Andiamo velocemente a somatizzare  ciò che gli altri pensano di noi, della nostra capacità di prendere buone o pessime decisioni, della nostra abilità di “sapersi muovere nel mondo”.

Questi giudizi sono particolarmente pericolosi perché tendiamo a farli velocemente nostri. Vale la pena di riflettere un attimo su quest’importante passaggio: il giudizio che gli altri hanno di noi inconsapevolmente lo abbiamo fatto nostro, e il nostro che fine ha fatto?

 

 

 

Ci saranno sempre degli Eschimesi pronti a dettar norme su come devono comportarsi gli abitanti del Congo durante la calura. S. J. Lec Click to Tweet

Paura dei giudizi altrui? Fregatene!

Possiamo avere anche tutte le qualità di questo mondo ma incroceremo sempre qualcuno pronto a puntarci il dito contro o a guardarci con sospetto. Perché incroceremo sempre, prima o poi  gente che dice di saper fare meglio il nostro lavoro, il lavoro degli altri…

“Hai visto quella com’è vestita?”

“Hai sentito cosa ha detto!”

“Hai notato come si è comportato? Io avrei fatto tutto in un altro modo.”

“Ha sbagliato, poteva gestire la cosa diversamente.”

…e la lista continua.

 

Sottopongo alla tua attenzione una breve favola che avevo già pubblicato tempo fa, essa  spiega in maniera magistrale e pratica la paura dei giudizi altrui.

 

Il contadino, il figlio e l’asino

Un vecchio faceva il cammino con il figlio giovinetto.

Il padre e il figlio avevano un unico piccolo asinello: a turno venivano portati dall’asino ed alleviavano la fatica del percorso. Mentre il padre veniva portato e il figlio procedeva con i suoi piedi, i passanti li schernivano: “Ecco,” dicevano “un vecchietto moribondo e inutile, mentre risparmia la sua salute, fa ammalare un bel giovinetto”.

Il vecchio saltò giù e fece salire al suo posto il figlio suo malgrado.

La folla dei viandanti borbottò: “Ecco, un giovinetto pigro e sanissimo, mentre indulge alla sua pigrizia, ammazza il padre decrepito”.

Egli, vinto dalla vergogna, costringe il padre a salire sull’asino. Così sono portati entrambi dall’unico quadrupede: il borbottio dei passanti e l’indignazione si accresce, perché un unico piccolo animale era montato da due persone.

Allora parimenti padre e figlio scendono e procedono a piedi con l’asinello libero.

Allora sì che si sente lo scherno e il riso di tutti: “Due asini, mentre risparmiano uno, non risparmiano se stessi”.

Allora il padre disse: “Vedi figlio: nulla è approvato da tutti; ora ritorneremo al nostro vecchio modo di comportarci”.

 

Il punto è che lungo la tua strada troverai sempre qualcuno pronto a giudicare negativamente te e le tue azioni. Siamo 7 miliardi di persone al mondo e ognuno ragiona in maniera differente. Non lasciarti confondere dai giudizi altrui. Lasciati alle spalle coloro che dispensano consigli non richiesti.

Ascolta invece coloro che stimi ma decidi sempre con la tua testa. Fai ciò che “ritieni giusto” e se anche gli altri avranno tutte le argomentazioni per attaccarti tu avrai sempre la certezza che ciò che hai fatto era ciò che volevi fare.

Per non tornare sulle tue decisioni e per star bene con te stesso esiste una sola ricetta: dai il giusto peso al giudizio altrui ma, alla fine, pensa e decidi con la tua testa, in parole povere: Fregatene!

Non potrai mai fare contenti tutti perché in questo caso uno scontento ci sarà sempre: TU.

 

 

“La specie umana si divide in 2 categorie – coloro che vanno avanti e fanno qualcosa e coloro che se ne stanno seduti a chiedersi: Perché non è stato fatto nell’altro modo?” Oliver Wendell Holmes Jr.

 

Paura dei giudizi altrui? Peccato che siamo i primi a giudicare.

3-setacci-paura-dei-giudizi-altrui-ergersi-a-giudici-uym

3-setacci-paura-dei-giudizi-altrui-ergersi-a-giudici-uym

Siamo noi per primi a giudicare: dispensare giudizi è un comportamento profondamente radicato, nessuno ne è esente. Lo facciamo, lo facciamo anche spesso e con disarmante superficialità. A volte non ce ne rendiamo neppure conto: i nostri giudizi al pari delle nostre parole escono così velocemente da accorgercene solo in un secondo momento.

Sopportiamo di malavoglia e a volte subiamo i giudizi e tuttavia siamo i primi a farlo. Buffo vero?

Perché lo facciamo? Perché sentiamo il bisogno impellente di giudicare, di etichettare cose e persone. Abbiamo un incontenibile bisogno di ordinare, di incasellare le persone, le cose,  il mondo che ci circonda. Ognuno deve andare a collocarsi nel “giusto scomparto”, il nostro.

Confessiamolo, ci piace proprio giudicare gli altri e ogni volta che lo facciamo ci sentiamo persino meglio, più sicuri di noi. Il nostro giudizio, per quanto improvvisato, superficiale diventa in breve un assioma, una regola talmente evidente che non necessita neppure di essere messa in discussione. È così, punto e basta.

Irrilevante è il fatto che il nostro punto di vista sia solamente nostro e come tale squisitamente parziale, non una verità assoluta, così come non lo è quello dell’altra persona che abbiamo di fronte.

 

 

“Non possiamo mai giudicare le vite degli altri, perché ogni persona conosce solo il suo dolore e le sue rinunce. Una cosa è sentire di essere sul giusto cammino, ma un’altra è pensare che il tuo sia l’unico cammino.” Paulo Coelho

 

 

Quante volte ti è capitato di esprimere un giudizio negativo su qualcuno solo dopo un superficiale scambio di parole? Siamo molti bravi a farlo basandoci anche solamente sulla prima impressione. Ci basta una sola occhiata per essere in grado di giudicare qualcuno. Siamo proprio dei fenomeni allora? Nulla di più sbagliato.

Eppure se dedicassimo un solo istante a riflettere ci renderemo conto che di quella persona non conosciamo assolutamente niente. Non abbiamo mai condiviso alcunché, non conosciamo il suo passato e le sue esperienze, non conosciamo i suoi dolori e le sue ferite, non sappiamo niente dei suoi pensieri e dei suoi progetti, non abbiamo vissuto ciò che lui ha vissuto, ma questo poco importa.

È come se da quella chiacchierata di 10 minuti fossimo riusciti a carpire ogni sfumatura di quella persona, in poche sensazioni siamo in grado di riassumere e giudicare la vita intera di una persona che non abbiamo mai conosciuto prima.

Sembra che un veloce scambio di idee sia sufficiente per riuscire ad etichettare una persona, una vita. Troppo superficiale, troppo riduttivo.

Tutto questo sarebbe quasi ironico, se in gioco non ci fosse la nostra vita e quella delle persone con le quali entriamo in contatto.

 

Basta qualche scambio di idee per ridurre la vita intera di una persona a una banale, superficiale e riduttiva etichetta.

 

I Giudizi Altrui e i 3 Setacci

3 setacci paura dei giudizi altrui - setacci - uym

3 setacci paura dei giudizi altrui – setacci – uym

Nell’antica Grecia Socrate aveva una grande reputazione di saggezza.

Un giorno venne qualcuno a trovare il grande filosofo e gli disse:
“Sai cosa ho appena sentito sul tuo amico?”

“Un momento” rispose Socrate “Prima che me lo racconti, vorrei farti un test, quello dei tre setacci.”
“I tre setacci?”

“Ma sì” continuò Socrate. “Prima di raccontare ogni cosa sugli altri, è bene prendere il tempo di filtrare ciò che si vorrebbe dire. Io lo chiamo il test dei tre setacci. Il primo setaccio è la verità. Hai verificato se quello che mi dirai è vero?”

“No… ne ho solo sentito parlare.”

“Molto bene. Quindi non sai se è la verità. Continuiamo col secondo setaccio, quello della bontà. Quello che vuoi dirmi sul mio amico è qualcosa di buono?”
“Ah no, al contrario!”

“Dunque” continuò Socrate “vuoi raccontarmi brutte cose su di lui e non sei nemmeno certo che siano vere. Forse puoi ancora passare il test, rimane il terzo setaccio, quello dell’utilità. È utile che io sappia cosa avrebbe fatto questo amico?”
“No davvero.”

“Allora” concluse Socrate “se ciò che volevi raccontarmi non è né vero, né buono, né utile perché volevi dirmelo? Preferisco non saperlo e consiglio a te di dimenticarlo.”

 

Così come non apprezzi coloro che si ergono a giudici allora non farlo neppure tu. Prima di parlare male di qualcuno, di esprimere un giudizio o ascoltare maldicenze è opportuno soffermarsi un attimo a riflettere. Chiediamoci se è “vero, buono e utile”. Rimarrai sorpreso per quante volte riuscirai a tacitare quel giudizio superficiale, molto probabilmente errato, che stavi per proferire.

 

“Le persone intraprendono strade diverse alla ricerca della felicità e della realizzazione. Che non abbiano intrapreso la vostra stessa strada non significa che si siano persi” Dalai Lama

 

Per concludere

Dobbiamo cominciare a percorrere una strada diversa, una strada in cui i giudizi altrui non offuschino più la nostra chiarezza di idee, di obiettivi, in cui il giudizio degli altri non diventi automaticamente il nostro.

Soffochiamo questo nostro bisogno di giudicare gli altri perché farlo non cambia in alcun modo né il valore di chi giudica né il valore di chi viene giudicato.

Credo che questa sia la strada migliore per cominciare davvero a essere liberi.

 

 

Firma Marco Little UYM

Articolo I 3 Setacci e la paura dei giudizi altrui – Immagini di pubblico dominio

Matita - UYM

📩

VOGLIO ISCRIVERMI ALLA NEWSLETTER E

SCARICARE GRATUITAMENTE

📘

LA MIA COPIA 

22 PASSI VERSO LA FELICITÀ

22-passi-thumb-UYM3

The following two tabs change content below.
Ciao, mi chiamo Marco Cammilli e sono l'autore di UpgradeYourMind. Voglio condividere con te i miei studi e le mie esperienze nell'ambito della crescita personale. Scopri le strategie pratiche e immediate per migliorare la qualità della vita. Buona navigazione. Marco.

Ultimi post di Marco Cammilli (vedi tutti)

Lascia un commento tramite il tuo profilo Facebook

6 commenti
  1. marta
    marta dice:

    Ciao Marco,
    grazie per questa riflessione che mi fai fare. L’esempio dei tre setacci è veramente utile, da mettere in pratica.
    Ciao
    Marta

    Rispondi
    • Marco Cammilli
      Marco Cammilli dice:

      Ciao Marta, mi fa piacere che l’articolo ti sia piaciuto. L’esempio dei 3 setacci mi fu raccontato molti anni fa durante un corso di formazione. Ne rimasi davvero impressionato. Nel racconto Socrate conclude con: “Allora se ciò che volevi raccontarmi non è né vero, né buono, né utile perché volevi dirmelo?”.
      Cosa possiamo replicare a tale domanda? Ben poco.
      Dovremmo solo imparare a chiacchierare di meno e riflettere di più.
      Grazie per aver lasciato il tuo commento Marta. A presto!

      Rispondi
  2. Gianluca
    Gianluca dice:

    Condivido tutto quello che hai scritto. Ci dà fastidio quando ci giudicano ma siamo in prima linea a farlo. La storia dei 3 setacci è illuminante. Un altro ottimo articolo da cui prendere spunto.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.