,

Il Principio 90/10 e la macchia di caffè

Principio 90_10 - UYM

Il Principio 90/10 ti sorprenderà e non poco.

Ti spiegherò infatti come mai capita di trovarsi invischiati nelle cosiddette giornate “No”.

Il Principio 90/10 ti aiuterà a capire il perché di quei giorni.

Parlo di quei giorni in cui la sensazione che ti porti dietro fino a sera è che “niente sia andato per il verso giusto”.

Immaginati cosa sarebbe potuto succedere se avessi “gestito” e non soltanto “subito” quegli eventi.

Posso dirti che la qualità della tua vita e delle persone che ti circondano sarebbe aumentata in maniera esponenziale.

Non credi sia possibile?

Leggi perché il Principio 90/10 funziona alla grande!

Scopri perché il Principio 90/10 può cambiarti la vita.

Il Principio 90/10

Il Principio 90/10 fu ideato da Stephen Covey, uno dei più importanti e influenti autori di libri sulla Crescita Personale.

 

Tra lo stimolo e la risposta, uno ha la libertà di scegliere. (S.Covey) Click to Tweet

 

Principio 90/10 - Vinci o Perdi - UYM

Principio 90/10 – Vinci o Perdi – UYM

Stephen Covey afferma che il 10% di ciò che ci succede nella vita è rappresentato da eventi sui quali non abbiamo alcun controllo.

Si tratta quindi di avvenimenti che non possiamo impedire: succederanno e basta, facciamocene una ragione.

Che succede invece per quanto riguarda il restante 90%?

Scopriremo che è determinato dal tipo di reazione che avremo.

Abbiamo detto come nel corso della nostra vita possono accadere eventi inevitabili e spesso spiacevoli, piccoli o grandi che siano.

Non possiamo evitarli ma possiamo scegliere come reagire.

Il tipo di reazione determinerà al 90% l’ andamento della nostra giornata.

 

Stephen Covey spiega in maniera estremamente chiara il Principio 90/10 con una tazzina di caffè.

Prendo spunto dal suo esempio per raccontarti questa giornata:

 

Il Principio 90/10 e la tazzina di caffè

Stai finendo di fare colazione pronto ad andare in ufficio.

Inavvertitamente tua figlia rovescia la tazzina di caffè sulla tua camicia.

Ti alzi di scatto infuriato, rimproverando tua figlia per tanta sbadataggine.

La ragazzina non può fare a meno che mettersi a piangere.

A quel punto rivolgendoti a tua moglie fai presente che la tazzina era messa male: troppo vicina al bordo del tavolo.

L’accusi di essere distratta e che potrebbe fare un po’ più di attenzione.

Comincia così una discussione tra te e il partner e mentre cerchi frettolosamente di cambiarti la camicia, tua figlia, ancora in lacrime, perde l’autobus.

Adesso non puoi fare altro che accompagnarla a scuola.

Cerchi di fare tutto velocemente e per recuperare qualche minuto premi sull’acceleratore.

Purtroppo, dopo pochi chilometri, vedi il gesto del vigile che ti invita ad accostare.

Multa per eccesso di velocità.

Lasci finalmente tua figlia davanti a scuola e ti dirigi al lavoro.

Ormai sei arrivato in ritardo e ti accorgi persino che alcuni documenti importanti sono rimasti a casa.

Il pensiero non potrà che essere “Maledizione, niente va per il verso giusto”.

La sera rientri a casa e trovi un’aria quasi irrespirabile.

Tua figlia è ancora arrabbiata per come l’hai sgridata e tua moglie ha un atteggiamento distaccato, ricordo di come l’hai trattata quel mattino.

E’ proprio vero, il caffè fa male! 😉

Incredibile vero?

Quella manciata di secondi, in cui hai deciso come reagire al caffè versato, ha determinato la qualità dell’intera giornata.

E’ proprio su questi secondi che il Principio 90/10 vuole tenerci all’erta.

Proviamo adesso a riavvolgere il nastro della nostra giornata come  fosse un filmato.

Questa volta decidiamo di sfruttare il Principio 90/10 anziché subirlo.

 

Prima di farlo però ti chiedo di condividere quest’articolo sul Principio 90/10. Questo tuo piccolo quanto prezioso gesto è un modo per ricambiare il lavoro che si cela dietro ogni mio articolo. Grazie

 

Il Principio 90/10: riavvolgiamo il filmato

Principio 90/10 - Scegliere - UYM

Principio 90/10 – Scegliere – UYM

Stavamo dicendo di sfruttare il Principio 90/10 anziché subirlo.

Siamo nuovamente attorno al tavolo a fare colazione.

Tua figlia distrattamente urta la tazzina del caffè che, in quanto evento non controllabile, ti macchia la camicia.

“In effetti questa macchia marrone non ci sta poi neppure tanto male sulla camicia bianca.” le dici sorridendo.

Sei consapevole infatti che si tratta solo di una macchia di caffè e che quella che indossi è solamente una camicia.

Tua figlia si lancia, braccia al collo e chiedendoti infinitamente scusa ti sussurra all’orecchio che sei il papà migliore del mondo.

Tua moglie osserva emozionata la scena e ti prepara subito un nuovo caffè.

Tua figlia ti porta una nuova camicia in modo che tu possa cambiartela al volo.

Esci felice con la tua valigia e i tuoi documenti in perfetto orario.

Tua figlia prende il solito autobus del mattino per andare a scuola.

Rientri a casa dopo la giornata di lavoro e tua figlia ti abbraccia emozionata perché vuole raccontarti di un episodio particolare successo a scuola.

Tua moglie ti saluta con un bacio.

Questo è quel 90% di cui ti ho parlato, questo è il Principio 90/10.

Di questi esempi ne possiamo fare mille dato che le nostre giornate sono piene di situazioni simili.

Come vedi anche dei banalissimi intoppi hanno la capacità, se gli subiamo invece che gestirli, di farci vivere delle pessime giornate.

 

Il Principio 90/10: reagire agli eventi

Con il “senno di poi” alla domanda su quale delle due giornate preferiresti vivere la risposta appare scontata.

Ma “del senno di poi ne son piene le fosse”.

Molto meno scontato è come decidiamo di reagire agli eventi.

Devi renderti conto che tutta la bellezza di quella giornata risiede proprio in quei pochi secondi e in che modo decidi di reagire.

L’esito di TUTTA la tua giornata è li, proprio in quella manciata di secondi.

Ecco l’incredibile importanza del Principio 90/10.

Puoi decidere quindi di farti gestire dalle emozioni negative e improduttive oppure puoi fare un bel respiro e fare la scelta giusta.

Tutto qua: puoi decidere di vivere in reazione alle emozioni oppure decidere di gestirle.

 

 

La prossima volta che a fine giornata ti racconterai che “Niente è andato per il verso giusto” ricordati del Principio 90/10, ciò che è successo infatti, molto probabilmente, è responsabilità tua.

 

Fammi sapere cosa ne pensi del Principio 90/10: lo sfrutti o lo subisci?

 

Firma Marco Little UYM

Articolo Principio 90/10 – Immagine tratta da Pixabay

Matita - UYM

?

VOGLIO ISCRIVERMI ALLA NEWSLETTER E

SCARICARE GRATUITAMENTE

?

IL TUO LIBRO 

22 PASSI VERSO LA FELICITÀ

SCARICALO SUBITO

22 passi thumb 8

The following two tabs change content below.
Ciao, mi chiamo Marco Cammilli e sono l'autore di UpgradeYourMind. Voglio condividere con te i miei studi e le mie esperienze nell'ambito della crescita personale. Scopri le strategie pratiche e immediate per migliorare la qualità della vita. Buona navigazione. Marco.

Ultimi post di Marco Cammilli (vedi tutti)

Lascia un commento tramite il tuo profilo Facebook

6 commenti
  1. Roby
    Roby dice:

    Troppo spesso siamo gestiti dalle ns. emozioni e non il contrario.
    Non è facile ma la regola del…conta fino a 10 prima di .. spesso funziona

    Rispondi
    • Marco Cammilli
      Marco Cammilli dice:

      Ciao Roby, è verissimo: spesso sono le nostre emozioni negative a parlare al posto nostro. Trovo il Principio 90/10 incredibilmente efficace nello spiegare come una manciata di secondi sia capace di rovinarci le giornate e i rapporti con gli altri.

      Grazie del commento.

      Rispondi
  2. Alberto
    Alberto dice:

    Ciao Marco, ho letto il tuo articolo. Cosa dire, a volte basterebbe davvero poco per stare meglio. Una “manciata di secondi” e la tua giornata potrà essere il tuo paradiso o il tuo inferno.
    Articolo decisamente stimolante!

    Rispondi
    • Marco Cammilli
      Marco Cammilli dice:

      Mi fa piacere Alberto che ti sia piaciuto il post. Sono d’accordo con te, a volte basterebbe poco per ottenere grandi benefici. Quel “poco” però richiede comunque di fare le cose in maniera diversa e questo non ci piace affatto.
      A presto, Marco.

      Rispondi
  3. Wisteria
    Wisteria dice:

    Non potevi pubblicarlo prima questo articolo? 🙂
    Ho passato un fine settimana pessimo. Prova un po’ ad indovinare come mai?
    Leggendo il tuo articolo mi sono resa conto che la mia reazione, sicuramente esagerata, ha rovinato tutto. E pensare che aspettavo questo fine settimana a gloria.
    Adesso farò molta attenzione a cosa dire!
    Grazissimisime.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.