Differenza uomini e donne - UYM

La differenza tra uomini e donne esiste davvero? Sono due mondi diversi oppure no?

Le incomprensioni tra maschi e femmine poggiano su basi scientifiche oppure si tratta solamente di punti di vista differenti?

Il confronto tra uomo e donna esiste probabilmente dai tempi in cui è apparso l’Homo Sapiens sulla terra e nel corso dei secoli non si è mai assopito.

Differenza tra Uomini e Donne: due mondi diversi

Nel passato la società non aveva dubbi al riguardo, la marcata differenza tra uomini e donne era evidente e universalmente riconosciuta e imposta. Con il passare dei secoli, e soprattutto a partire dal 1900, la differenza tra maschio e femmina sono andate sempre più affievolendosi.

Ma come stanno realmente le cose?

Gli uomini e le donne sono davvero diversi oppure no?

La società odierna cerca di mitigare queste differenze tra maschio e femmina basandosi su dati scientifici oppure lo fa solamente per raggiungere una posizione “politically correct“?

Domande a cui ho voluto dare risposta e ciò che ho scoperto voglio condividerlo con te.

 

“Mettiamoci d’accordo sul significato della parola ‘Noi’. Per una donna significa ‘Io e Te’, per un uomo ‘Io e i miei Amici’.” (G. Cucciari)

 

 

Differenza tra Uomini e Donne: parliamone

Ti sarà capitato più volte di trattare l’argomento “differenza tra uomini e donne“. Una cena con gli amici, una chiacchierata con i colleghi, una telefonata, una conversazione con il proprio partner. Solitamente succede che l’intenzione sia di partire con il “piede giusto” ma si finisce poi per perdere di vista l’obiettivo di un sano confronto.

Ci ritroviamo a fare a braccio di ferro con il nostro interlocutore: ognuno cerca d’imporre le proprie credenze e i propri punti di vista all’altra persona. Obiettivo? Dimostrare che uno ha ragione e l’altro no.  Dimostrare che l’uomo è migliore della donna o viceversa.

“Voi donne vi fate prendere dall’ansia. Noi uomini invece siamo più razionali e riusciamo a rimanere calmi anche sotto pressione.”

“Voi uomini siete fin troppo razionali e non usate mai il cuore. Avete difficoltà persino ad emozionarvi.”

“Se emozionarsi significa piangere per qualunque cosa passi in TV allora sono contento di essere così.”

“Noi uomini diciamo ciò che pensiamo. Voi invece dite l’esatto opposto di ciò che vi passa per la testa. Vi sembra una cosa logica?”

 

“La donna è la rovina dell'uomo ma resta il fatto che l'uomo senza la donna è rovinato.” (M.Monroe) Click to Tweet

 

 

Queste frasi, che enfatizzano la differenza tra maschi e femmine, le abbiamo sentite milioni di volte, ce le hanno propinate in tutte le salse, ma c’è qualcosa di vero oppure si tratta, in gran parte, di aria fritta?

I luoghi comuni che gravitano attorno ai rapporti tra uomo e donna hanno effettivamente una base di verità o sono soltanto la rappresentazione di antichi (antichi?) stereotipi?

Le incomprensioni tra uomini e donne sono solamente la conseguenza di punti di vista diversi oppure esiste una marcata differenza biologica che può aiutarci a spiegarne i motivi?

Prima di proseguire nella lettura t’invito a dimenticarti per un momento dei tuoi preconcetti in merito al rapporto uomo – donna. I dati che riporto qui di seguito sono il frutto di studi scientifici e in quanto tali li considero attendibili.

Ti chiedo inoltre di non utilizzare le seguenti informazioni per stilare una classifica “di chi vince e chi perde” perché non è questo il mio obiettivo in quanto lo reputo assolutamente privo di significato. Leggi invece le informazioni che ti riporto per comprendere la differenza tra uomo e donna… questo sì che è importante per vivere meglio.

 

Valutiamo insieme la differenza tra maschio e femmina da varie angolazioni:

Differenza tra Uomini e Donne: due mondi diversi – Differenze Biologiche

Differenza tra uomini e donne - UYM

Differenza tra uomini e donne – UYM

Se andiamo oltre l’aspetto fisico scopriamo che la differenza tra uomini e donne non si ferma ai soli caratteri distintivi dei due sessi. Ecco una significativa lista:

 

I 5 sensi


orecchioUdito: gli uomini, se interessati, riescono ad ascoltare di più della donna in quanto tendono a concentrarsi maggiormente, escludendo eventuali altri rumori di sottofondo.

 

nasoOlfatto: il naso della donna ha una conformazione tale per cui funziona meglio rispetto a quello dell’uomo. La donna ricorda meglio gli odori e ha maggiori capacità di distinguerli.

 

gusto

Gusto: il numero di ricettori del salato e dell’amaro è minore nell’uomo rispetto alla donna.

 

tattoTatto: le terminazioni tattili nella donna sono più sensibili di quelle dell’uomo.

 

OcchioVista: la memoria visiva della donna è considerata migliore rispetto a quella dell’uomo, infatti riesce a ricordare meglio la disposizione degli oggetti e le fisionomie delle persone.

 

 

Differenza tra Uomini e Donne: i colori

Rimanendo sull’argomento Vista sono sicuro che avrai sperimentato più volte, caro uomo, cosa accade quando facciamo shopping con la nostra partner.

Marco:”Chiara, prendo questa polo rosa o questa viola?”

Chiara: “Sono carine entrambe ma sono color salmone e lavanda.”

Marco: “Questa camicia rossa come ti sembra? Meglio quest’altra violetta?”

Chiara: “Una è carminio e l’altra è pervinca. Meglio la prima.”

Marco: “Mi mancano dei pantaloncini corti. Questi jeans marroni come ti sembrano?”

Chiara: “Sono cachi però.”

Noi uomini utilizziamo una tavolozza di colori molto contenuta. Utilizziamo due modi e per cercare di avvicinarci in maniera comunque molto approssimativa a una precisa sfumatura di colore:

1) alterare l’aggettivo: rossiccio, giallognolo, verdino, ecc..

2) aggiungere la parola chiaro o scuro.

 

Guarda quest’immagine e arrenditi… non ce la possiamo fare 😉

(Clicca l’immagine per ingrandirla)

Differenza tra Uomini e Donne - Colori - UYM

Differenza tra Uomini e Donne – Colori – UYM

 

Cervello

Ipotalamo: l’area ipotalamica anteriore nell’uomo è grande il doppio rispetto a quella femminile e tra le sue funzioni risiede il controllo del comportamento riproduttivo.

Serotonina: nella donna la produzione di serotonina avviene molto più lentamente rispetto all’uomo e questo sembra spiegare la maggior tendenza all’ansia da parte della donna.

Emisferi: l’uomo durante la lettura, per decodificare le parole, utilizza il solo emisfero sinistro, quello “razionale”. La donna invece utilizza anche quello destro, detto “emotivo”. Il centro della parola nell’uomo si trova nell’emisfero sinistro e quello dell’orientamento spaziale sopratutto in quello destro. Nella donna questa netta separazione tra i due emisferi non esiste in quanto sono collegati da un numero di cellule nettamente superiore.

 

Orientamento

Abbiamo fatto un bel giro a piedi in una nuova città e dobbiamo tornare alla macchina: “Dove abbiamo parcheggiato?”

Il comportamento di uomini e donne è molto diverso. La donna sfrutta i punti di riferimento incontrati lungo il cammino. “Giro a destra al negozio di alimentari, avanti fino al benzinaio e poi giro a sinistra al cartellone pubblicitario. Poi incontro il parco giochi, lo attraverso e giro a destra alla fontana.”

Labirinto - UYML’uomo invece sfrutta quella che viene definita “memoria vettoriale”. Il cervello memorizza lo spostamento nello spazio. Registra quindi la direzione in cui ci siamo spostati e per quanto tempo lo abbiamo fatto. Quello che ne viene fuori è: “mi sposto in avanti per 4 minuti, poi giro a sinistra e proseguo per 3. Poi avanti per 8 minuti e infine giro a sinistra per 4.”

Questo è quanto emerge dallo studio di alcuni ricercatori dell’Università di Rochester (Usa). La ricerca coinvolgeva studenti di entrambi i sessi che venivano fatti entrare in un labirinto. Le ragazze si dimostravano più abili rispetto ai maschi a trovare l’uscita quando il percorso era ricco di punti di riferimento. Diversamente, quando le pareti venivano rese tutte uguali, i ragazzi riuscivano ad orientarsi meglio.

 

Intelligenza

Nel periodo scolastico in base ai risultati dei test le ragazze mostrano di avere “una marcia in più”, raggiungendo punteggi mediamente superiori rispetto ai ragazzi. Non è chiaro se questi risultati siano dovuti ad aspetti biologici oppure sono la conseguenza di una maggiore dedizione allo studio da parte delle ragazze. Quello che è certo è che anche in questo caso abbiamo un’ulteriore differenza tra uomini e donne.

 

Linguaggio

Avete presente com’è diverso il modo di parlare di una donna rispetto a quello dell’uomo? Questa differenza riguarda sia il linguaggio verbale sia quello del corpo.

 

Ormoni

Gli ormoni cominciano a svilupparsi già dai primi mesi di vita intrauterina. Oltre a differenziare gli organi genitali influiscono nell’organizzazione cerebrale del feto e sembrano “fissare” in qualche modo alcuni comportamenti tipicamente maschili o femminili.

Sono proprio gli ormoni estrogeni presenti nella donna ad esempio a influenzare l’attività neuronale dei lobi frontali. Quest’area è preposta all’apprendimento delle regole e al controllo dell’attenzione e dei riflessi. Il testosterone invece, prodotto in quantità decisamente superiori nell’uomo, influenza i suoi comportamenti rendendoli più rischiosi e impulsivi. Succede infatti che a dispetto del detto “Donna al volante…” il numero di incidenti causati dal gentil sesso sia inferiore del 15%. Le donne risultano essere molto più prudenti dei maschi, mai competitive e raramente superano i limiti alcolici imposti per una guida sicura.

 

Longevità

L’aspettativa di vita di una donna è superiore a quella dell’uomo. L’aspetto ancor più interessante è che questa caratteristica è riscontrabile non solo nei paesi industrializzati ma anche nei paesi in via di sviluppo. Non solo,  200 anni fa in Europa, nonostante le morti per parto fossero elevate, la donna continuava ad avere un aspettativa di vita più lunga rispetto all’uomo.

La scienza non è riuscita ancora a dare spiegazione di questa differenza tra uomini e donne e ciò che possiamo però affermare è che la donna sia in qualche modo “programmata geneticamente” per vivere più a lungo.

 

Cosa ne pensi di queste differenze tra uomini e donne? Pensi ancora che siamo uguali?

“Tanto tempo fa, i marziani e le venusiane si incontrarono, si innamorarono e vissero felici insieme perché si rispettavano e accettavano le loro differenze. Poi arrivarono sulla Terra e furono colti da amnesia: si dimenticarono di provenire da pianeti diversi.” John Gray

 

Differenza tra Uomini e Donne: due mondi diversi – Gli ultimi studi scientifici

Differenza tra uomini e donne ricerche - UYM

Differenza tra uomini e donne ricerche – UYM

La distanza tra Marte e Venere

La differenza tra uomini e donne non finisce qua.

Cercando un po’ nei meandri del web ho trovato presso il National Center for Biotechnology Information i risultati di una recente ricerca condotta nel 2012 su un campione decisamente rilevante: 10.261 persone. (“The Distance Between Mars and Venus: Measuring Global Sex Differences in Personality” – Marco Del Giudice, Tom Booth, Paul Irwing)

“I nostri dati ribaltano la concezione secondo cui le differenze di genere nella personalità sono trascurabili. A differenza di altri studi, noi abbiamo esaminato le caratteristiche dei due sessi in modo più preciso. E abbiamo osservato che le differenze aumentano nettamente se invece di misurare un solo tratto alla volta si prendono in considerazione tutte le variabili insieme”.

“I profili di personalità tipici dei maschi e delle femmine si sovrappongono solamente per il 10%-20%. Si tratta di una differenza molto rilevante, anche se ovviamente stiamo parlando di profili statistici che non possono descrivere il singolo individuo e che lasciano quindi spazio alle eccezioni.”

Nonostante si cerchi di promuovere l’uguaglianza dei sessi alcuni lavori sono dominati dagli uomini: “partendo dal presupposto che non ci siano differenze fra i due sessi, è normale che questo dato preoccupi; ma il nostro studio dimostra che le differenze sono enormi. Le persone scelgono la loro professione in base a ciò che va d’accordo con le proprie caratteristiche personali, il che è completamente l’opposto di ciò che le persone hanno pensato negli scorsi 100 anni”.

I dati che emergono dallo studio evidenziano senza ombra di dubbio una netta differenza tra maschi e femmine nei tratti della personalità: ogni sesso ha le sue caratteristiche.

 

“Quando un uomo dice: ‘Tesoro, mancano soltanto due minuti alla fine della partita’, equivale come durata di tempo, a quando la moglie dice: ‘Tesoro, sarò pronta tra due minuti’. (Ann Landers)

 

 

Stereotipi Uomo e Donna… sono veri?

Un altro studio interessante è quello condotto dalla neuroscienziata Ragini Verma dell’Università della Pennsylvania. Lo studio sottolinea ulteriormente la differenza tra uomini e donne. Utilizzando delle avanzate tecniche di neuroimaging sono riusciti a visualizzare le concentrazioni di connessioni nel cervello. Il campione coinvolto era di 428 maschi e 521 femmine di età compresa tra gli 8 e i 22 anni. Immaginati queste connessioni come delle intricatissime strade sulle quali viaggiano le informazioni.

Differenza tra Uomini e Donne due mondi diversi - cervello - UYM

Differenza tra Uomini e Donne due mondi diversi – cervello – UYM

Lo studio ha evidenziato nelle donne un numero di connessioni elevato tra i due emisferi mentre negli uomini è emersa una maggiore interconnessione all’interno dei singoli emisferi.

“Ho constatato con stupore che i risultati confermano molti stereotipi che crediamo di avere sul cervello.” riporta la neuroscienziata “Per esempio se volessi andare da uno chef o da un parrucchiere, sarebbero più che altro uomini.”

Il cervello maschile infatti è strutturato per facilitare il coordinamento tra percezione e azione.  “Mentre le donne si dimostrano più efficienti nelle azioni che richiedono il coordinamento di entrambi gli emisferi: sono più intuitive, hanno migliore memoria, sono più emotivamente coinvolte quando ascoltano qualcuno”.

 

 

Differenza tra Uomini e Donne:  siamo diversi!

Ancora oggi nonostante i numerosi studi scientifici in merito si cerca a tutti i costi di smussare, di ridurre al minimo la differenza tra uomo e donna.

Siamo diversi, lo siamo sempre stati e sempre lo saremo.

Basterebbe solo rendersi conto che tutte le differenze che contraddistinguono i due sessi sono un importante valore aggiunto dal momento che è proprio questa diversità a rendere uomo e donna unici e perfettamente complementari.

“Marco, non mi è chiara però una cosa: se siamo perfettamente complementari perché si creano tutte queste incomprensioni tra uomini e donne?”

Le incomprensioni sono la conseguenza di un banale quanto rilevante errore che facciamo a monte: considerarci appunto uguali.

Prova a parlare per 10 minuti con qualcuno che non conosce la tua lingua e poi dimmi quanto siete riusciti a capirvi. Ciò che succede tra uomini e donne non è molto diverso.

 

Io ho capito che siamo diversi biologicamente, che i nostri cervelli funzionano in maniera differente, che la percezione del mondo attorno a noi non è uguale, che la gestione degli stati emotivi è diversa, che le priorità non possono essere le stesse, che i nostri schemi mentali e il modo con cui elaboriamo le informazioni sono diversi.

 

Differenza tra Uomini e Donne: avere una percezione diversa del mondo.

Perché questa differenza tra maschi e femmine?

Semplicissimo, perché l’uomo e la donna sono due mondi diversi!

Queste importanti differenze ci aiutano a capire come mai l’uomo e la donna hanno una percezione diversa del mondo che li circonda.

Hai presente le incomprensioni che si creano con il tuo partner e alle quali non riesci a trovare spiegazione?

“A volte mi sembra di parlare un’altra lingua.” – “Possibile che non riesci a capirmi?” – “Ma non ho detto questo, intendevo…”

Gli uomini e le donne commettono l’errore di aspettarsi dall’altro sesso reazioni e comportamenti uguali ai propri.

Apri bene le orecchie perché ti devo svelare una segreto: mettiti l’anima in pace, questo non succederà mai.

Come può capirti una persona che parla una “lingua” diversa dalla tua? Uomini e donne fraintendono continuamene le effettive esigenze dell’altro e questo porta ad un’inevitabile e lenta corrosione nei rapporti.

“Marco, ma adesso che sono a conoscenza della differenza tra uomini e donne come dovrei comportarmi?”

Ottima domanda che troverà risposta in un mio prossimo articolo. Partendo proprio dalla consapevolezza che siamo diversi andremo a capire come sia possibile comunicare in maniera efficace ed essere felici, evitando inutili e logoranti incomprensioni.

Ecco di seguito il proseguimento di post: Differenze tra Uomo e Donna nella gestione dei problemi

Per concludere

Cosa ne pensi della differenza tra uomini e donne? Hai degli esempi da raccontarci in merito?

Scrivili qua sotto nell’area dei commenti.

Firma Marco Little UYM

Riferimenti e approfondimenti

The National Center for Biotechnology Information – The Distance Between Mars and Venus: Measuring Global Sex Differences in Personality

Focus – Uomini e donne hanno cervelli “diversamente connessi”

 

Articolo Differenza tra uomini e donne – Immagini tratte da Google Immagini

Immagine del labirinto di FutUndBeidl

 

Matita - UYM

📩

VOGLIO ISCRIVERMI ALLA NEWSLETTER E

SCARICARE GRATUITAMENTE

📘

IL TUO LIBRO 

22 PASSI VERSO LA FELICITÀ

22 passi thumb 8

The following two tabs change content below.
Ciao, mi chiamo Marco Cammilli e sono l'autore di UpgradeYourMind. Voglio condividere con te i miei studi e le mie esperienze nell'ambito della crescita personale. Scopri le strategie pratiche e immediate per migliorare la qualità della vita. Buona navigazione. Marco.

Ultimi post di Marco Cammilli (vedi tutti)

Lascia un commento tramite il tuo profilo Facebook

13 commenti
  1. Roby
    Roby dice:

    Siamo entrati in un vero campo minato e non se ne esce se non imboccando la
    strada della reciproca comprensione. Facile a dirsi ma non altrettanto a
    farsi. Dico spesso:… mia moglie litiga con me ma….io non litigo con lei. Un paradosso ? Forse. In fondo per litigare bisogna essere in due.

    Rispondi
    • Marco Cammilli
      Marco Cammilli dice:

      Ciao Roby, credo che l’argomento sia un campo minato perché il parlarne viene spesso confuso con “vediamo chi è il migliore, donna o uomo?”. Fintanto lo tratteremo come una gara allora rimarrà un campo minato. Se invece ne parleremo per conoscere le differenze che esistono allora sarà un bel percorso di crescita.
      Grazie del commento.
      Marco

      Rispondi
  2. Sandra
    Sandra dice:

    Hahaha Marco ma è fantastico- Sto leggendo un libro chiamato “Men are from Mars, women are from Venus” di John Gray che parla esattamente di questo!
    Aiuta un sacco perché analizza un po’ le differenze principali tra uomo e donna, soprattutto nel rapporto di coppia e vengono fuori delle cose molto interessanti.
    Esempio:
    Quando una donna ha un problema, la tendenza principale è volerne parlare per sfogarsi. Lo fa per cercare empatia e per essere capita. Passa da un problema all’altro, da una preoccupazione all’altra e spesso queste non hanno neanche una connotazione logica. Quello di cui ha bisogno è sfogarsi e sentirsi capita.
    L’uomo dal canto suo, interpreta questo suo sfogo come la ricerca di una soluzione pratica ai suoi problemi e indossa il suo cappello di “Mr- Fix-It” e le suggerisce possibili soluzioni.
    Lei si frustra ancora di più, rigetta ogni soluzione pratica perché non è quello che va cercando, va cercando solamente comprensione.
    L’uomo è molto più pratico in questi casi e in generale e quando vede che darle consigli su possibili soluzioni non la fa stare meglio, si sente inutile e si rintana nella sua “caverna”. Lei si sente ignorata e non capita.
    Nascono le incomprensioni.
    In realtà sono soltanto modi di fare differenti. L’uomo cerca la soluzione pratica, la donna cerca empatia e comprensione.
    Capito questo, credo sia più facile far fronte ai problemi qualora insorgano.
    Sto trovando questo libro molto interessante cosi come il tuo articolo 🙂

    Rispondi
    • Marco Cammilli
      Marco Cammilli dice:

      Ciao Sandra, il libro che stai leggendo lo considero molto interessante, utile e pratico.
      Nonostante il contenuto del libro sia stato messo in discussione da alcuni ricercatori anni addietro, oggi viene riconfermato tutto: siamo due mondi diversi. E poi, diciamocelo, servono davvero studi scientifici per dimostrare che siamo diversi? Per molte persone a quanto pare sì… anche se basterebbe osservare ciò che succede ogni singolo giorno intorno a noi? 🙂

      L’idea di scrivere un articolo sulle differenze tra uomo e donna prende proprio spunto dal libro che stai leggendo. L’ho ripreso in mano alcuni mesi fa e me lo sono riletto con grande piacere. John Grey riesce a spiegare in maniera chiara, semplice e concreta i principali meccanismi che s’innescano tra uomo e donna. Trattandosi di un piccolo libro l’unica pecca che possiamo muovergli è che nella semplificazione, non poteva essere diversamente però, molte sfumature non sono state riportate. Ecco che nel libro l’uomo si comporta COSI’ e la donna COSA’? Molti lettori non hanno apprezzato questo. Io ritengo che il libro debba essere letto per quello che è: una semplificazione di ciò che succede nella vita di tutti i giorni, una sorta di bignami con consigli pratici su come gestire al meglio le principali casistiche uomo-donna. Niente di più e niente di meno. Non essendo un testo scientifico di psicologia o antropologia non vengono prese in considerazione molte differenze che vanno oltre l’essere uomo o donna. Parlo di come impattano ad esempio gli aspetti sociali, culturali, familiari, etnici sui nostri comportamenti. Ma ripeto, non è questo ciò che voleva l’autore.

      Tornando al mio articolo vorrei che fosse un punto di partenza perché l’unico modo per comunicare in maniera efficace con l’altro sesso è essere consapevoli delle diversità fra uomo e donna.

      In uno dei miei prossimi articoli entrerò nel dettaglio, spiegando i più comuni errori che facciamo quando ci rapportiamo con il nostro partner.

      SPOILER 😉
      Il primo che mi viene in mente ad esempio è ciò che succede quando una donna ha bisogno di tenerezze dal suo uomo. L’errore che commette è dargliene a sua volta. L’errore sta nel fatto che sta dando al compagno ciò che vuole per se stessa. Come vedi di fondo c’è sempre il solito grossolano errore: essere convinti di essere uguali.

      Grazie Sandra del tuo puntuale ed interessante commento.
      A presto.

      Rispondi
      • Sandra
        Sandra dice:

        Tutto verissimo! Sono assolutamente d’accordo con te.
        Comunque veramente più leggo più mi rendo conto di annuire senza rendermi conto, riconosco le situazioni in tutto e per tutto. Mi piace molto che prenda delle frasi stereotipo, in questo caso della donna per fare un esempio, tipo: “Non facciamo mai niente!”- frase drammatica percepita dall’uomo come un “Sei cambiato, non ti interesso più, sei diventato noioso e mettermi con te è stato un errore”, quando in realtà è soltanto una frase drammatica che significa: “Amo passare il mio tempo con te, quando stiamo insieme e condividiamo cose mi sento bene e voglio che succeda più spesso perché mi trovo cosi bene con te. Quando non succede, mi deludo “.
        Gli assegniamo due significati opposti.
        Sarebbe tanto più semplice se la gente dicesse quello che pensa come un libro aperto senza giri di parole o senza sembrare drammatiche per avere più attenzione da parte del partner.

        L’uomo di norma fa l’opposto, si chiude nel silenzio perché sta pensando a una soluzione magari e finchè non l’ha trovata non sa cosa dire e preferisce tacere. La donna percepisce questo con paura e si immagina il peggio, visto che ha bisogno di continue rassicurazioni ed è abituata a parlare ed esternare le sue preoccupazioni per stare meglio, non necessariamente per trovare una soluzione pratica.
        Saranno generalizzazioni ma spesso e volentieri ci azzeccano perché come dici tu, siamo diversi, c’è poco da fare 🙂

        Sarebbe davvero bello se sia uomini che donne potessero prendere coscienza di tutto questo perché ci risparmieremmo un sacco di incomprensioni inutili!
        E’ molto interessante entrare nella testa dell’altro sesso e vedere come sono viste le stesse situazioni da due punti di vista distinti.
        Sono curiosissima di leggere il tuo prossimo articolo in merito 🙂

        Rispondi
        • Marco Cammilli
          Marco Cammilli dice:

          Qualche giorno fa mia moglie mi parla di un problema. L’ascolto con attenzione e a un certo punto, in maniera automatica, le faccio: “Perché non fai così e cosà?”. Mi sembrava di fare la cosa giusta: darle una possibile soluzione.
          Lei mi risponde irritata: “Mi fai parlare? Mi stai ascoltando?”

          Se non conoscessi alcuni di questi meccanismi mi sarei potuto persino indispettire per una risposta del genere.
          Le ho chiesto invece scusa invitandola a continuare.

          Lei aveva un problema e io le ho dato una possibile soluzione. Tutto giusto quindi? Assolutamente no!
          Mia moglie non stava cercando alcuna soluzione al problema, voleva parlarne, esternare i suoi pensieri in merito, metabolizzare, capire meglio cosa era successo, ascoltare le sue emozioni durante il racconto, riviverlo e voleva essere ascoltata.

          Responsabilità mia quindi di non aver capito ciò di cui aveva bisogno.

          Le incomprensioni nascono perché ci ostiniamo a vedere le cose solamente dal nostro punto di vista senza neppure metterle in discussione.

          “Sarebbe davvero bello se sia uomini che donne potessero prendere coscienza di tutto questo perché ci risparmieremmo un sacco di incomprensioni inutili!”
          Lo condivido ed infatti ci stiamo provando qua su UYM, tutti insieme. 😉
          Grazie Sandra!

          Rispondi
  3. Alessandro
    Alessandro dice:

    Marco, questo articolo mi ha destato un interesse spaventosamente alto! Non ho davvero parole, spero solo esca a breve il nuovo post sul “come comportarsi”, sono curioso al quadrato! Tutti i mei complimenti, seguo sempre con piacere e non smetto di spargere la voce di UYM!!
    Ale

    Rispondi
    • Marco Cammilli
      Marco Cammilli dice:

      Alessandro, ti ringrazio di cuore per le tue belle parole e per il tuo passaparola. Mi fa molto piacere sapere che segui con interesse i miei articoli.
      Per quanto riguarda il post su “come comportarsi” non dovrai attendere molto. Non sarà nell’articolo della prossima settimana ma in quella successiva… chissà 😉

      A presto!
      Marco

      Rispondi
  4. Laura
    Laura dice:

    Solo la maturità mi ha insegnato ad accogliere, a volte con il sorriso, le diversità fra me e mio marito. E’ vero, lo sbaglio grosso è aspettarsi uguale riscontro alle azioni compiute dall’una verso l’altro. Poiché io, da sempre, anche se si taglia male un unghia divento subito crocerossina, restavo male perché lui non faceva altrettanto quando io presentavo malanni anche più seri. Con la maturità appunto ho capito che dedicarsi a me non significa tralasciare tutto il resto ed ha insegnato anche a me a valutare con meno ansia le situazioni: continuo ad essere crocerossina perché è la mia indole ma NON pretendo che lui faccia uguale pur contando sulla sua premura e presenza.

    Rispondi
    • Marco Cammilli
      Marco Cammilli dice:

      Ciao Laura sicuramente ognuno di noi attribuisce significati diversi per uno stesso avvenimento. La conseguenza è che anche le reazioni sono per forza di cose diverse da persona a persona. Grazie per aver condiviso quanto hai scritto. Sono sicuro che troverai molto interessante la seconda parte che farà proprio focus sulle dinamiche uomo-donna.
      A presto. Marco.

      Rispondi
    • Marco Cammilli
      Marco Cammilli dice:

      Ciao Fabio, sono d’accordo che l’ascolto attivo sia una condizione necessaria ma credo non sia sufficiente. Il cervello dell’uomo e della donna funziona in maniera diversa e infatti il pensiero di Gungor e le sue “scatole” va esattamente in questa direzione. Posso quindi sforzami con tutto me stesso di capire l’altra persona ma se non sono in grado d’interpretare correttamente ciò che lui/lei dice? L’uomo e la donna interpretano il mondo che li circonda in maniera differente e sempre in maniera diversa comunicano i loro pensieri con le altre persone.

      Quando ascolto con attenzione qualcuno s’innesca un processo psicologico attraverso il quale, per mezzo della comprensione e dell’interpretazione delle parole, traggo un significato da ciò che mi viene detto. Questo processo di elaborazione delle informazioni è marcatamente differente tra uomo e donna per cui ciò che pensa l’uno può arrivare all’altro in maniera distorta.

      Esempio:
      Io penso “A” e questo mio pensiero lo trasformo in parole, toni, volume e linguaggio del corpo. Essendo un processo questo di trasformazione ottengo però un “B”. L’altra persona interpreta il tutto e riassemblando le varie informazioni, in base ai propri processi mentali, capisce “C”. Otteniamo che a fronte di una “A” di partenza arriviamo invece ad una “C”.

      Un ascolto attivo è fondamentale ma conoscere anche il mondo in cui tendenzialmente l’uomo e la donna elaborano certe situazioni è una grosso aiuto per comprendersi meglio e fare in modo di avvicinarsi molto a questa benedetta “A” 🙂
      Puoi trovare un approfondimento in tal senso in questo mio articolo:
      http://www.upgradeyourmind.it/comunicazione/differenze-tra-uomo-e-donna-gestione-problemi/

      Ti ringrazio del commento Fabio.
      A presto, Marco.

      Rispondi
      • Fabio Di Rosa
        Fabio Di Rosa dice:

        Grazie a te che hai fatto un analisi molto precisa e chiara, così dai modo a chiunque di capire quale sia la base della comunicazione, di cui concordo pienamente.
        E che in realtà alcune volte basterebbe mettere via l’orgoglio e quello spirito di competizione, già così si potrebbero fare passi enormi avanti. E poi tantissima empatia 😉

        Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.