Articoli

4 bellissimi monologhi su cui riflettere - uym

4 bellissimi monologhi su cui riflettere

4 bellissimi monologhi su cui riflettere, 4 discorsi che trattano in maniera molto chiara e concreta significativi argomenti quali l'amore, la paura e la felicità.Per parlare di questi argomenti ho scelto i discorsi di Simon Sinek, Steve Jobs, Willy Smith e Roberto Benigni.Questi monologhi ci toccano dentro, commuovono, emozionano, forniscono nuovi punti di vista e un forte impulso a riflettere, cambiare e agire.
Stati d'animo negativi impariamo a gestirli - 2a Parte - uym

Stati d’animo negativi: impariamo a gestirli – 2a Parte

Eccoci giunti al nostro secondo appuntamento con la gestione degli stati d'animo negativi.Abbiamo visto quali sono e come questi stati siano in grado di alterare sia il nostro benessere mentale che fisico.Vediamo adesso insieme come possiamo gestirli.
Stati d'animo negativi impariamo a gestirli - 1a Parte - uym

Stati d’animo negativi: impariamo a gestirli – 1a Parte

È davvero così importante gestire gli stati d'animo negativi? La risposta è semplicemente sì perché riveste un aspetto fondamentale per il nostro benessere. Driiiinnn!!! È appena suonata la sveglia e sei ben consapevole che appena poserai il piede giù dal letto sarai gettato dentro un frullatore. Leggi come fare per gestire gli stati d'animo negativi, scopri come impedire agli eventi e alle persone di controllare la tua vita.
Il Treno della Vita salire o aspettare in stazione - uym

Il Treno della Vita: salire o aspettare in stazione?

Cosa intendo per Treno della Vita?La vita è un viaggio e sta a noi decidere come farlo, quali obiettivi porsi e quali mete raggiungere.Parliamo un po’ di questo Treno della Vita, di questo Treno sul quale vorresti/dovresti salire ma per mille motivi ancora non lo hai fatto.
Come non farsi fregare dal cambiamento - uym

Come non farsi fregare dal cambiamento

Il cambiamento ci fa paura, è un dato di fatto. Per non farsi fregare dal cambiamento voglio farti conoscere una storia, quella di Nasofino, Trottolino, Tentenna e Ridolino. Partiamo allora dall'inizio... Alcuni vecchi compagni di scuola si ritrovano a cena per ripercorrere i tempi passati e conoscere le novità di ognuno nel mondo del lavoro e nella vita privata. Durante la conversazione si soffermano sul cambiamento e su come sia presente in ogni aspetto della loro vita: famiglia, amicizie, rapporto di coppia, lavoro, ecc. Uno di loro però fa presente che il cambiamento ha smesso di fargli paura da quando ha sentito raccontare una storia molto particolare.
Come non preoccuparsi - uym

Come non preoccuparsi e iniziare a vivere

Come non preoccuparsi?Difficile da mettere in pratica, vero?Problemi a lavoro, con il partner, qualche contrasto in famiglia, alcuni fraintendimenti con i vicini, problemi a scuola e problemi anche per le situazioni più banali... le motivazioni per preoccuparsi ci sono eccome e non abbiamo altro che l'imbarazzo della scelta.Cerchiamo di capire insieme cosa significa esattamente preoccuparsi, come mai portiamo avanti questo tipo di atteggiamento e se è davvero utile o meno?
Immagini per riflettere che lasciano il segno - uym

Immagini per riflettere che lasciano il segno

Immagini per riflettere, immagini che lasciano il segno, immagini motivanti che riescono a comunicare forti emozioni, talmente profonde e complesse che a volte non riusciamo neppure ad esprimerle a parole.Il mix che si crea tra immagini e aforismi ci permettere di avere una nuova consapevolezza e fornici una solida base per trasformare in azione i nostri pensieri.Sono convinto che anche una semplice frase possa racchiudere un concetto talmente importante per chi legge che ci permette di riflettere su quell'argomento da nuovi punti di vista.Tutto questo ci aiuta a trasformare in azioni concrete i nostri pensieri.
Essere schiavi delle abitudini - uym

Essere schiavi delle abitudini

Perché dobbiamo essere schiavi delle abitudini? Parlo di schiavitù perché è proprio a questo che tendono a portarci le abitudini. Si tende a fare le stesse cose e tutte regolarmente nella stessa sequenza. La domanda che ti pongo è: "Perché questo succede?" Perché le abitudini ci danno sicurezza e questa rientra a pieno titolo tra i bisogni primari: non possiamo farne a meno. Meno si decide e meno si cambia e meno si cambia meno evitiamo di esporci e forse sbagliare. Vista in questi termini sembra persino che avere una vita fatta solo e soltanto di abitudini sia un valore aggiunto ma così non è. Questo schema di pensiero infatti ci confina in uno stato di immobilismo che ci nega il piacere di scoprire, di crescere, di sbagliare e migliorare, di conoscere nuovi punti di vista e nuovi percorsi.
Espandere la Zona di Comfort - ecco perché ne abbiamo bisogno - uym

Espandere la zona di comfort: ecco perché ne abbiamo bisogno

Espandere la Zona di comfort è un concetto decisamente affascinante ed utile ma è necessario capire bene il suo meccanismo perché solo in questo modo possiamo renderci conto se e dove stiamo sbagliando. Dico questo perché la Zona di comfort può rappresentare un freno per il nostro benessere. Tutto ruota attorno al seguente concetto: se continuiamo a fare quello che abbiamo sempre fatto otterremo sempre gli stessi risultati.Parrebbe una considerazione ovvia, perfino superflua… ma poi, nella realtà di tutti i giorni, è proprio così?